Accoglienza dei profughi dall'Ucraina

14/03/2022, Autore
#NEWS #CARITAS #UCRAINA

Informazioni a cura di Caritas Ambrosiana - Aggiornamento - 13 marzo 2022

 

INFORMAZIONI GENERALI PER I CITTADINI UCRAINI

In via generale i cittadini ucraini che arrivano in Lombardia sono invitati a segnalare la propria presenza al Consolato Ucraino compilando questo form: clicca qui

In questo modo il Consolato potrà avere un quadro completo degli arrivi, raccogliere le necessità e coordinarsi con le istituzioni.
      

SITUAZIONE LEGALE

  • I cittadini ucraini possono soggiornare in Italia in esenzione visto per 90 giorni per motivi di turismo: i 90 giorni partono dal timbro sul passaporto effettuato alla frontiera italiana o, in alternativa, dalla dichiarazione di presenza che deve essere fatta entro 8 giorni dall'ingresso in Italia presso le questure o i commissariati. Pertanto i cittadini ucraini che non hanno alcun timbro sul passaporto o hanno un timbro di un altro stato europeo devono presentare la dichiarazione di presenza scaricabile qui.

  • Il 3 marzo 2022, i ministri dell’Interno dell’Unione Europea hanno raggiunto l’accordo per l’applicazione della direttiva sulla protezione temporanea per i profughi ucraini, che consentirà loro di avere un permesso di soggiorno temporaneo di un anno, rinnovabile. Siamo in attesa di indicazioni da parte del governo italiano sulle modalità di richiesta di tale permesso.

  • Dichiarazione di ospitalità: deve essere fatta dalle persone che ospitano cittadini ucraini presso i commissariati o i comandi di polizia locale entro 48 ore dall'inizio dell'ospitalità, allegando copia dei documenti di identità delle persone ospitate. La dichiarazione è scaricabile qui.

SITUAZIONE SANITARIA

Di seguito le informazioni delle diverse ATS sulle modalità di applicazione delle indicazioni date del Ministero della Salute alle regioni sulle misure previste per i profughi ucraini e sull'organizzazione di un piano sanitario di tamponi e vaccini.

ATS Insubria: clicca qui

Stante il basso tasso di vaccinazione della popolazione ucraina suggeriamo sia opportuno che le persone quando vengono accolte facciano almeno un tampone antigenico fai da te (acquistabile in farmacia o nei grandi supermercati), soprattutto se accolte in abitazioni con persone anziane e fragili.

Per le vaccinazioni il Commissario Figliulo ha scritto ieri alle Regioni che possono essere effettuate attraverso la generazione del codice STP. In attesa di indicazioni più dettagliate la procedura da utilizzare dovrebbe essere la medesima attualmente utilizzata per le persone che non hanno l’assistenza sanitaria in Italia https://prendersicura.caritasambrosiana.it/procedura-prenotazione-vaccini-per-persone-in-possesso-di-solo-passaporto/

 

Per avere informazioni su come proseguire o completare un ciclo vaccinale, tempi e riconoscimento dei vaccini praticati in Ucraina potete scrivere a stradusca@caritasambrosiana.it

 

MINORI

Specifichiamo che per legge i minori ucraini arrivati in Italia possono accedere liberamente al sistema scolastico facendo domanda di inserimento in qualsiasi scuola.

L'ufficio scolastico territoriale è disponibile a lavorare per supportare le famiglie dei minori ucraini arrivati a Milano in un percorso di inserimento scolastico: per segnalare la presenza di minori è possibile scrivere all'indirizzo e-mail usp.mi@istruzione.it

Se si rileva la presenza di minori non accompagnati da un genitore deve essere fatta immediata segnalazione al Tribunale per i minorenni scrivendo all'indirizzo email segreteriamsnatribmin.milano@giustizia.it.

 

Nel caso invece di minori con parenti residenti in Italia, questi ultimi possono presentarsi direttamente al Tribunale per i minorenni per fare domanda per la nomina di tutore.

 

Documenti - Cantù

Comunicazione ospitalità stranieri a Cantù

Raccolta di disponibilità per l’ospitalità degli esuli da parte di connazionali residenti a Cantù